fbpx
Arancia: l’agrume per eccellenza!
Arancia: l’agrume per eccellenza!
Mangiare sano, qualunque sia lo stile alimentare, allunga la vita
Mangiare sano, qualunque sia lo stile alimentare, allunga la vita
Alimenti integrali: salute e gusto
Alimenti integrali: salute e gusto
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

CHIACCHIERE INTEGRALI CON CANNELLA E ZUCCHERO DI CANNA

Chiacchiere integrali con cannella e zucchero di canna

Per circa 24 pezzi
150 g di farina integrale, 150 g di farina, 70 g di zucchero integrale di canna, 2 uova, 1 cucchiaio di cannella in polvere, 1 bustina di lievito per dolci, 3-4 cucchiai di vino bianco secco, 50 ml d’olio d’arachidi più 1-2 cucchiai, zucchero a velo, sale.

1. Setacciate la farina integrale e quella bianca, poi mescolatele con lo zucchero integrale, il lievito, la cannella e un pizzico di sale. Formate la classica fontana e versate nel centro le uova battute insieme all’olio e al vino.

2. Impastate gli ingredienti e lavorateli fino a ottenere un impasto asciutto ed elastico; se troppo morbido aggiungete uno-due cucchiai di farina.

3. Stendete la sfoglia su un ripiano infarinato fino a raggiungere lo spessore di pochi millimetri. Con una rotella tagliapasta dal bordo smerlato ritagliate strisce larghe 7-8 centimetri, quindi tagliatele diagonalmente a distanza di circa 12 centimetri, ricavando delle losanghe. Alla fine, nel centro di ciascuna fate un’incisione di 5-6 centimetri.

4. Disponete le losanghe sulla placca del forno foderata con carta da forno, spennellatele con poco olio e infornatele a 180 °C per 10 minuti. Sfornatele quando prendono un bel colore dorato. Potete decidere invece di farle friggere in abbondante olio di arachidi.

5. Lasciate raffreddare le chiacchiere, quindi cospargetele con zucchero a velo a piacere, aiutandovi con un setaccio o con un colino a maglie strette.

NOTA: sostituite il comune zucchero a velo pestando lo zucchero di canna in un mortaio o, meglio, frullandolo nel mixer finché non avrete ottenuto una consistenza impalpabile.

Lascia un commento