fbpx
Arancia: l’agrume per eccellenza!
Arancia: l’agrume per eccellenza!
Mangiare sano, qualunque sia lo stile alimentare, allunga la vita
Mangiare sano, qualunque sia lo stile alimentare, allunga la vita
Alimenti integrali: salute e gusto
Alimenti integrali: salute e gusto
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

DIETA PIÙ BILANCIATA CON DOLCIFICANTI NATURALI A ZERO CALORIE

Le persone che consumano dolcificanti a basso contenuto calorico, come la stevia il dolcificante naturale a zero calorie, seguono una dieta “complessivamente più bilanciata a livello nutrizionale”. È quanto evidenziato da uno studio presentato al ventesimo Congresso Annuale Internazionale Iuns sulla Nutrizione, a Granada in Spagna, da Adam Drewnowski, tra i più esperti ricercatori degli Stati Uniti sull’obesità, al dibattito “Share the Science about Stevia” che ha coinvolto un gruppo di nutrizionisti e professionisti del settore internazionale della salute.

La stevia si usa da secoli come sostituto naturale dello zucchero e oggi l’estratto purissimo di foglie di stevia si trova in alimenti e bevande di tutto il mondo. Le foglie della pianta, originaria del Sud America, sono naturalmente dolci e ciò aiuterebbe a ridurre le calorie e a offrire un gusto dolce simile allo zucchero. “La dolcificazione a base di stevia – spiega Giuseppe Fatati, presidente della Fondazione Adi, Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica, e Consulente del Global Stevia Institute – contribuisce a ridurre l’intake calorico. Inoltre, con l’autunno e l’abbassamento delle temperature, si assiste ad un ritorno ad uno stile di vita sedentario e a comportamenti alimentari edonistici. Piccoli accorgimenti per ridurre le calorie, come appunto l’utilizzo della stevia, possono aiutare: è una nuova alternativa a basso contenuto calorico. Ridurre l’apporto calorico in eccesso e mantenere uno stile di vita sano sono i comportamenti chiave per il mantenimento del peso corretto e per combattere i fattori di rischio legati ad abitudini di vita sedentaria e a sovrappeso/obesità” conclude Fatati.

Lascia un commento