fbpx
Arancia: l’agrume per eccellenza!
Arancia: l’agrume per eccellenza!
Mangiare sano, qualunque sia lo stile alimentare, allunga la vita
Mangiare sano, qualunque sia lo stile alimentare, allunga la vita
Alimenti integrali: salute e gusto
Alimenti integrali: salute e gusto
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

LE 10 REGOLE DI UNA SANA MERENDA

Le 10 regole di una sana merenda

L’I.N.RA.N ha suggerito dieci regole utili a fare merenda in modo razionale.

1. Per avere un’alimentazione equilibrata fai 5 pasti al giorno: prima colazione, merenda di metà mattina, pranzo, merenda pomeridiana e cena.

2. Fare merenda è una buona abitudine: non saltarla. “Mangiucchiare continuamente tutto il giorno, invece è sbagliato.

3. La merenda è un piccolo pasto. Deve fornire il 5-7% di tutta l’energia che ti serve ogni giorno.

4. Se non sei sovrappeso, dopo aver fatto attività sportiva puoi fare una merenda più ricca.

5. La merenda deve solo “ricaricarti”. Non deve farti arrivare troppo sazio al pasto successivo, ma neanche troppo affamato. Tra la merenda e il pranzo (o la cena) devono passare almeno 2 ore.

6. Varia spesso la tua merenda, in modo da variare anche i nutrienti che ti fornisce: una porzione di frutta secca, o un frullato, o una menrendina, o uno yogurt, o un piccolo panino dolce o salato, o 3-4 biscotti.

7. Ricorda che su prodotti confezionati, come le merendine dolci da forno, puoi leggere in etichetta il valore nutritivo. Ad esempio, una merendina può contenere mediamente da 120 a 200 Kcalorie. Leggere l’etichetta ti aiuterà a mangiarne la quantità giusta.

8. Goditi la tua merenda. Cerca di non mangiarla mentre studi o guardi la tivù.

9. Muoviti il più possibile: cammina, corri, Sali le scale di casa a piedi, fai giochi di movimento. Così potrai tenerti sempre in forma.

10. Controlla regolarmente il peso e l’altezza.

Le merendine, in particolare grazie alla presenza di una buona quantità di carboidrati di rapida e lenta utilizzazione (zucchero e amido) e al poco ingombro digestivo, possono contribuire a mantenere costante, nel corso della mattinata o del pomeriggio, il livello d’attenzione e il tono d’umore, ottimizzando le performance scolastiche e sportive di bambini e ragazzi.

Le merendine per un bambino che fa sport sono migliori degli integratori alimentari che normalmente vengono suggeriti.
Se inserite in modo ragionevole nell’alimentazione complessiva della giornata le merendine, intese come prodotti da forno monodose non costituiscono alcun problema; è importante fare in modo che il bambino abbia un’alimentazione equilibrata e varia che rispetti anche i suoi gusti e che lo gratifichi. Come tutti gli altri alimenti, le merendine possono diventare un problema se vengono consumate in quantità eccessiva: una merendina fornisce in media 150 calorie, circa il 7-8% di quelle consumate in una giornata da un bambino di 10 anni. Quindi dal punto di vista calorico, una merendina costituisce un’alternativa razionale ad una porzione di pizza o ad un piccolo panino imbottito per lo spuntino del mattino o del pomeriggio.
E poiché in una alimentazione equilibrata e completa non contano solo le calorie ma anche i nutrienti, nella giornata alimentare media di un ragazzo in eta scolare, le merendine da forno potrebbero essere consumate – per il loro significativo contenuto in nutrienti sia a colazione sia nei due spuntini giornalieri. E, in ogni caso va considerato anche il fatto che in un mondo che corre, e che ancora di più fa correre le mamme, la scelta di questi alimenti prodotti dall’industria italiana rende la vita familiare decisamente più semplice senza penalizzare nè mamme nè figli.

Lascia un commento