fbpx
Burger di melanzane
Burger vegetali: le buone e gustose alternative alla carne
Sempre più italiani non fanno colazione
Arrow
Arrow
Slider

MANGIARE COLORATO PER DIMAGRIRE

Che colore preferite oggi? L’arancione delle carote, il rosso delle fragole, il verde degli asparagi? Ecco, l’avrete già capito: il nostro schema light è dedicato ai colori che ogni giorno bisognerebbe mettere nel piatto. Ma non solo perché i pigmenti dei vegetali svolgono un’azione antiossidante particolarmente preziosa. Oggi c’è una ragione in più per consumare una buona quantità di vegetali colorati, in quanto sembrano coinvolti anche nel controllo del peso se non del dimagrimento vero e proprio. Tornando al menu, troverete tanti cibi di colore diverso, con una particolare attenzione verso quelli che più sono preziosi nel preparare l’organismo sia al sole che al caldo in arrivo.

3 CONSIGLI

Variare è salute

Fate attenzione se la vostra tavola è monocroma e ricorrete ai ripari. Riuscirci non è faticoso, basta imparare a prepararsi delle belle insalate multicolorate e alternare i diversi tipi di frutta.

Polifenoli a gogo

Tante le varie azioni svolte da questa classe di antiossidanti (antinfiammatoria, antitumorale e per la circolazione) responsabili della colorazione rossa, viola e blu. Li trovate, ad esempio, nelle mele rosse, nelle fragole o nelle ciliegie, in tutti i frutti del sottobosco, ma anche in carciofi, nelle cipolle, negli spinaci, nel pane di segale integrale, nel latte di soia, nel tè e nel cioccolato.

Arancione per la pelle

Il sole aumenta la produzione di radicali liberi che danneggiano le cellule dell’epidermide. Per difenderla meglio, consumate abitualmente vegetali ricchi di caroteni, dal colore giallo-arancio, fino al rosso. Quindi carote, pomodori, sia freschi che in salsa.

RICETTE DEL MENU

Farro tricolore con pomodoro, rucola e ricotta

Lessate 80 g di farro in brodo vegetale. Nel frattempo preparata una salsa di pomodoro saporita con aglio, peperoncino e origano. Quindi tritate un mazzetto piccolo di rucola e riducete in una dadolata fino 80 g di ricotta al forno oppure affumicata. Scolate il farro nella salsa e fatelo insaporire. Levate il tutto dal fuoco, amalgamate anche la rucola e ricotta e servite subito.

Minestra speziata di fagioli rossi e tofu affumicato

Mettete a insaporire 100 g di fagioli rossi in un tegame poco oliato con un battuto di carote, sedano, cipolle, una foglia di alloro e 3 pomodori pelati a pezzi. Versate poco brodo vegetale per facilitare la cottura. Dopo una ventina di minuti, frullate grossolanamente il tutto (senza l’alloro) e poi aggiungete 100 g di tofu affumicato a cubettini, una spolverata leggerissima di cannella e di pepe nero. Proseguite per qualche minuto e poi servite la minestra con un filo d’olio e 40 g di crostini di pane integrale.

Tofu e asparagi al vapore con salsa di cipollotti

Cuocete al vapore per una decina di minuti uno-due cipollotti affettati, 100 g di tofu affumicato tagliato a fettine e un mazzetto piccolo di asparagi. Quindi frullate solo la parte bianca del cipollotto con poco olio, qualche fogliolina di maggiorana, unendo poca acqua di cottura e poco sale, se necessari, e ricavate una crema. Sistemate nel piatto tofu e asparagi, poi irrorateli con la salsa calda e qualche rondella della parte verde dei cipollotti.

Stufato di tofu e fagiolini al curry

Tagliate a trancetti piccoli una manciata abbondante di fagiolini. Di seguito fate intenerire in un tegame oliato aglio e cipolla, quindi spolverate con una punta di cucchiaino di curry, 2 pomodori pelati a pezzi, i fagiolini, 80 g di tofu a tocchetti e poco sale. Proseguite la cottura per almeno 20 minuti e, se serve, unite poco brodo vegetale e altro curry.

Farfalle con salsa di pomodori e fave fresche

Lessate 200 g di fave sgranate, preferibilmente piccole e tenere, in poca acqua salata e aromatizzata con alloro. Nel frattempo preparate una salsa di pomodoro con una base di cipollotto rosso e aromi, poi a parte lessate 80 g di farfalle integrali. Scolate la pasta al dente nella salsa e unite anche le fave. Fate insaporire e servite il piatto completandolo con rondelle finissime della parte verde del cipollotto.

Risotto light agli asparagi

Levate le punte da un mazzetto piccolo di asparagi, pelate e riducete in rondelle le parti meno legnose dei gambi. Cuocete al vapore solo queste ultime e frullatele alla fine. Di seguito stufate la parte bianca di un cipollotto a rondelle in poco olio e vino bianco, quindi unite 60 g di riso, fatelo tostare e poi versate qualche mestolo di brodo vegetale e continuate la cottura. Dopo circa 10 minuti unite la crema verde, le punte di asparago e portate a cottura. Alla fine mantecate con un filo d’olio e 30 g di parmigiano grattugiato.

Dessert di ricotta

Frullate 150 g di ricotta compatta con un cucchiaio abbondante di miele, o di sciroppo d’acero, e 2-3 fragole. Sistematela in una coppetta inumidita e tenetela a rassodare in frigorifero per 2-3 ore. Quindi sfornatela e contornatela con una macedonia di fragole.

Lascia un commento