fbpx
Qual è il fattore che determina l’aumento o la diminuzione di peso?
Qual è il fattore che determina l’aumento o la diminuzione di peso?
Bevande vegetali: conosciamole un po’ meglio
Bevande vegetali: conosciamole un po’ meglio
Mangiar mango aiuta a contrastare diete troppo grasse
Mangiar mango aiuta a contrastare diete troppo grasse
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

SCUOLA: SI PARTE!

Un tempo erano considerati “alimenti poveri“. Ma che poveri, sono più che ricchi! Stiamo parlando della frutta secca e in particolare di pinoli, datteri, noci, nocciole, pistacchi e mandorle, che dovrebbero essere i benvenuti nelle cartelle dei nostri figli per un sano back-to-school. Rappresentano, in generale, un alimento di prim’ordine sempre più valorizzato da medici e nutrizionisti. Le loro proprietà nutritive sono, infatti, davvero importanti.

La frutta secca contiene proteine, vitamine e molti sali minerali come potassio, rame, fosforo, calcio e ferro, e ancora fibre (tante) e zuccheri. Altra caratteristica è il suo tenore di grassi insaturi e polinsaturi, sostanze importanti nella prevenzione del colesterolo alto e, quindi, di possibili cardiopatie e aterosclerosi da adulti.

Nei menu di tutti i giorni

Una porzione di frutta secca è l’ideale per iniziare la giornata, per concluderla e come spuntino quotidiano. Ecco qualche gustoso esempio. Provate ad aggiungere noci, pinoli, mandorle o pistacchi non salati a un’insalata mista oppure alle macedonie (risultano ideali pinoli e mandorle) o ancora nei dolci casalinghi (bene in particolare nocciole e pistacchi). Poi, avete mai provato a preparare del pane casalingo con pistacchi, pinoli e farina di mandorle mescolata a farina integrale? È fantastico!

Mandorle 10 e lode

Le mandorle sono ricche di fibre e aiutano a combattere la fastidiosa stitichezza; sono un toccasana in caso di ansia, stanchezza e insonnia. Insieme ai pinoli detengono il record del maggior contenuto di fosforo di tutta la frutta secca. Insomma, veri scrigni di sostanze che permettono ai ragazzi una migliore concentrazione in questo inizio di anno scolastico. Della serie: “Chi ben comincia…”.

Lascia un commento