fbpx
Combatti la depressione stagionale con più serotonina nel piatto
Nelle noci i grassi “buoni” per la pelle
La dolce zucca di Halloween!
Arrow
Arrow
Slider

Frullati d’estate contro il caldo che incalza

Ad ogni stagione la natura ci dona gli elementi necessari per affrontare i vari cambiamenti climatici. Addentrandoci nella stagione calda è di vitale importanza introdurre ogni giorno i liquidi che perdiamo.

Non solo l’acqua, ma anche vitamine e sali minerali. La quantità di acqua necessaria non ha un valore quantificabile in generale, dipende da persona a persona: la dose di circa 2 litri al giorno non è poi così veritiera.

Bere acqua fa certamente bene, ma non dobbiamo trascurare le sostanze che con essa vengono veicolate. Anche per questo, possiamo pensare di sostituirla a volte con frullati ed estratti, anche durante il pasto. Infatti il consiglio di iniziare un pasto con una ricca insalata è sempre valido: con frullati ed estratti possiamo realizzare dei mix completi tra le due cose. Dimenticando per un attimo che la frutta è dolce e le verdure salate, focalizziamo la mente sui nutrienti. Un mix di albicocche, fragole, rucola, lattuga, asparagi crudi, piselli, fave (da escludere per chi soffre di favismo) e ciliegie diventa un piatto saziante, remineralizzante e idratante.

Inconsciamente il nostro organismo tende a richiedere un maggior apporto di carboidrati, come pasta e riso, ma anche qui la natura ci viene in aiuto. Siamo infatti portati a consumare questi pasti freddi e al dente: ottimo, perché così abbiamo una notevole riduzione dell’indice glicemico.

La scelta del condimento però fa la differenza. Un “pesto” di erbe aromatiche è la scelta migliore: c’è sapidità senza aggiunta di sale e gli oli essenziali migliorano la digestione. Tutte le erbe aromatiche ricche di acqua di vegetazione non necessitano di cottura e chi le predilige ha anche un’ampia scelta. Dragoncello, timo, basilico, foglie di sedano, erba cipollina, menta, origano e maggiorana in dose a vostro piacimento, frullate con mandorle, semi di sesamo e pomodori secchi sono un condimento antiossidante e digestivo. Rosmarino e salvia invece devono essere rosolati in pochissimo olio per sprigionare gli oli essenziali.

La stagione estiva è altresì il periodo più adatto per ridurre l’apporto di zucchero, assorbendolo direttamente dalla natura nella sua forma più semplice, vale a dire consumando frutta e verdura, senza così rinunciare al dolce. Ad esempio una Panna cotta con estratto di carota, polpa di albicocca e fragola ci permette di utilizzare una dose minima di zucchero; se poi aggiungiamo i petali di papavero, noti per la loro proprietà antinfiammatoria, rendiamo il piatto ancora più funzionale.