fbpx
Intestino pigro? Svegliamolo a colazione
Frutta secca per la salute dell’intestino
Riso integrale tra gusto e salute
previous arrow
next arrow
Slider

Frutta secca per la salute dell’intestino

Noci, mandorle, nocciole, pistacchi: la frutta secca ha tanti benefici (persino quello di aiutare la vita sessuale), ma molti credono che non faccia bene all’intestino. Vero o falso?

Falso. Non è assolutamente vero che la frutta secca non faccia bene anche all’intestino. Al contrario, la frutta secca, e in particolare noci e mandorle, avrebbero effetti molto positivi sul microbioma intestinale, cioè l’insieme dei microrganismi che vivono nell’intestino. A dirlo anche uno studio di qualche anno fa, che ha dimostrato che l’assunzione per 6 settimane di piccole porzioni giornaliere di mandorle migliorava l’acidità gastrica, l’assorbimento a livello intestinale, l’attività di alcuni batteri oltre a promuovere selettivamente la colonizzazione dell’intestino da parte dei batteri “buoni”. È stato infatti scoperto che la frutta a guscio, in particolare le noci, contiene sostanze come fibre e polifenoli che funzionano da prebiotici, cioè da “nutrienti” per i batteri buoni.

I batteri “buoni” (come Lactobacillus, Bifidobacterium, Roseburia e Ruminococcaceae) metabolizzano i polifenoli e le fibre, favorendo così la produzione di altri batteri utili per la salute generale dell’organismo. Avere un microbioma ben diversificato è un bene, perché in questo modo si tengono lontani diabete, obesità, sindrome del colon irritabile, malattie intestinali e allergie. Come noci e mandorle, anche altri alimenti contengono le sostanze giuste per la salute dell’intestino e la diversità del microbioma; si tratta dei frutti rossi, in particolare melograno, mirtilli, uva rossa, fragole, more e lamponi.

Lascia un commento