fbpx
L’impatto della nutrizione di precisione sul diabete
L’impatto della nutrizione di precisione sul diabete
 Le raccomandazioni nutrizionali dell’American Heart Association
 Le raccomandazioni nutrizionali dell’American Heart Association
10 porzioni di frutta e verdura al giorno per allungare la vita
10 porzioni di frutta e verdura al giorno per allungare la vita
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

MAL DI TESTA E ALIMENTAZIONE

Mal di testa e alimentazione: che relazione c’è? Tra i fattori che possono scatenare un attacco di mal di testa c’è anche il cibo: formaggi stagionati, frutta secca, cioccolato, ma anche vino e superalcolici, possono causare dolore alla testa.

In questo caso si tratta di emicrania, tra le forme più ricorrenti di mal di testa. Almeno il 10-12% della popolazione ne soffre; una percentuale simile, pari al 9%, anche tra i bambini under 12. L’emicrania è una cefalea primaria caratterizzata da dolore pulsante e localizzato, che si manifesta di solito insieme ad altri sintomi: nausea, vomito, fotofobia e fonofobia (ovvero intolleranza a luci e rumori) e dura da qualche ora fino a massimo tre giorni.

Tra i diversi fattori che possono scatenare una crisi di mal di testa, oltre allo stress o alle variazioni meteorologiche, anche l’alimentazione.

Ma quali sono i cibi da cui stare alla larga per evitare attacchi di emicrania?

  • cioccolato
  • caffè
  • alcolici e superalcolici
  • carni rosse e insaccati, ricchi di nitriti e nitrati
  • patatine fritte e cibi fritti in generale
  • dadi da brodo
  • cibo orientale, che contiene glutammato
  • frutta secca
  • formaggi stagionati

È una questione anche di quantità?

Sì, le quantità sono importanti e non solo per questi alimenti, ma anche per la dieta in generale. Il mal di testa, infatti, può sorgere perché, ad esempio, la digestione è faticosa e lenta e quindi un pranzo o una cena abbondante, indipendentemente dai cibi che scatenano il dolore, può causare un attacco in soggetti emicranici.

Per prevenire il mal di testa meglio frutta fresca e verdura di stagione

Questa associazione tra mal di testa e alimentazione suggerisce dall’altro lato l’indicazione secondo cui è utile modificare gli stili di vita per contrastare l’insorgenza del dolore. Per prima cosa è necessario eliminare dalla dieta i cibi che scatenano il mal di testa, ma dall’altro si possono privilegiare gli alimenti “amici” del sistema nervoso: ad esempio cibi freschi, frutta di stagione e ortaggi.

Seguire uno stile di vita salutare sarà certamente prezioso per ridurre la frequenza e l’intensità degli attacchi di mal di testa. Oltre all’alimentazione, anche un sonno veramente ristoratore e una moderata ma regolare attività fisica sono i due pilastri su cui sorreggere uno stile di vita sano in chiave preventiva. Si consiglia ai soggetti emicranici di mangiare a orari regolari, di non saltare i pasti, di non digiunare (anche l’ipoglicemia “costa” a chi soffre di mal di testa), di bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno e di non abusare di farmaci antidolorifici che contengono caffeina.

Lascia un commento