fbpx
Esami di maturità: come affrontarli a tavola!
Esami di maturità: come affrontarli a tavola!
L’impatto della nutrizione di precisione sul diabete
L’impatto della nutrizione di precisione sul diabete
 Le raccomandazioni nutrizionali dell’American Heart Association
 Le raccomandazioni nutrizionali dell’American Heart Association
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

SMOOTHIE: DAGLI USA CON SAPORE

> Sempre più di moda anche da noi, sono una preparazione tipicamente americana: il termine smoothie deriva dall’inglese smooth che, riferito ai liquidi, significa omogeneo, ben amalgamato. Insomma, è un riferimento alla consistenza, leggera nonostante sia a metà tra frullato e purè.

> Per mantenere la temperatura fredda si possono adottare due tecniche diverse: o si versa nel frullatore il ghiaccio, preferibilmente già tritato, oppure si possono ghiacciare uno o più ingredienti, generalmente la frutta o lo yogurt, da frullare poi col resto.

> A causa della tipica densità e la possibile presenza di particelle (degli ortaggi crudi, ad esempio), possono venire serviti con lunghi cucchiaini che ne facilitano il consumo; inoltre è meglio scegliere bicchieri o coppette trasparenti per apprezzarne i colori vivaci. Gli smoothies hanno una maggiore resistenza e stabilità rispetto ai frullati e perciò possono essere preparati con maggiore anticipo.

> Si caratterizzano per utilizzare frutta e verdura spesso abbinate, per la temperatura fredda ma non ghiacciata, per i vivaci colori e per la quasi costante presenza dello yogurt come addensante e aggregante di base. Tra l’altro, in assenza del limone, per evitare l’ossidazione dei vegetali si consiglia di mescolarli subito proprio allo yogurt. Quando è presente frutta pastosa come le banane, si preferisce usare il latte, anche vegetale. Infine, piccole quantità di spezie forti possono essere usate per donare un tocco di sapore in più.

Lascia un commento