fbpx
Il giro del mondo in 30 colazioni
Il giro del mondo in 30 colazioni
Allergie, intolleranze e sensibilità all’istamina, a che punto siamo?
Allergie, intolleranze e sensibilità all’istamina, a che punto siamo?
La carne coltivata e la ricerca avanzata di Ivy Farm Technologies
La carne coltivata e la ricerca avanzata di Ivy Farm Technologies
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

ALLERGIE: 5 REGOLE PER NON CORRERE RISCHI DURANTE LE FESTE

Far attenzione alle piante, tra le quali la stella di Natale, che può provocare negli allergici sintomi simile a quelli delle allergie al lattice; massima cautela per l’albero di Natale, che libera dentro casa le muffe che cresciute su tronco e rami, capaci di causare rinite e asma; fare test per capire la possibilità di incorrere in reazioni più o meno gravi

evitare la farmacia alternativa, che può contenere parti pericolosissime per gli allergici e portare con sè gli antistaminici. Sono le 5 regole degli allergologi della Siaic (Società italiana allergologia ed immunologia clinica) per evitare problemi durante le festività.

La Siaic invita innanzitutto a stare attenti alle allergie alimentari, che riguardano l’8% dei bambini e il 3% degli adulti. ”Gli alimenti più pericolosi – ricorda – sono quelli della frutta a guscio, quali noci, mandorle e nocciole”.

Oggetto di allergie sono anche i crostacei, quali aragoste e gamberoni. È consigliabile avere sempre con sè gli antistaminici, ma per i soggetti più a rischio, o che hanno avuto già in precedenza shock anafilattici, questi non possono bastare. ”Per loro è indispensabile il salvavita, l’adrenalina con l’ausiliatore, ma lo dovrebbe usare – spiega Oliviero Rossi, allergologo della Siaic – soltanto chi ha avuto reazioni gravi, da pronto soccorso. Una percentuale che aumenta sempre di più: le reazioni gravi agli alimenti, quelli che portano le persone a rivolgersi al pronto soccorso, crescono di un 3% ogni anno.

Questo perchè c’è un incremento di questi alimenti manipolati, additivi e conservanti: li contengono il 90% dei prodotti in vendita al supermercato, che possono provare anche fenomeni simili a quelli allergici”.

Lascia un commento