fbpx
L’impatto della nutrizione di precisione sul diabete
L’impatto della nutrizione di precisione sul diabete
 Le raccomandazioni nutrizionali dell’American Heart Association
 Le raccomandazioni nutrizionali dell’American Heart Association
10 porzioni di frutta e verdura al giorno per allungare la vita
10 porzioni di frutta e verdura al giorno per allungare la vita
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

CAPIRE IL NOSTRO RAPPORTO CON IL CIBO, AIUTA A TROVARE LA DIETA CORRETTA

Nel rapporto col cibo siete “insaziabili“, “compulsivi” o “emozionali“? Sapere a quale di queste categorie appartenete potrebbe aiutarvi a realizzare il proposito di dimagrire che magari avete messo nel cassetto per il nuovo anno, perché ognuno di questi gruppi risponde in modo diverso a diverse diete. Parola degli studiosi di Oxford e Cambridge, nel Regno Unito, che hanno appunto identificato tre tipologie principali a cui apparterebbero le persone che hanno qualche problema con l’alimentazione:

la prima è caratterizzata dal fatto di mangiare e non sentirsi mai pieni; la seconda invece dal pensiero costante al cibo, mentre la terza si contraddistingue per un collegamento diretto tra alcuni problemi e la necessità di “scaricarli” su cioccolata, biscotti o altre leccornie.

Il team di ricerca, guidato da Susan Jebb, dell’Università di Oxford, esperta in nutrizione, e dal genetista Giles Yeo, dell’Università di Cambridge, ha svolto dei test con diverse diete su 75 persone, divise nei tre gruppi identificati in precedenza: i risultati, a cui sarà dedicata anche una trasmissione sulla Bbc, hanno permesso di arrivare alla conclusione che la dieta più adatta al singolo caso è data da un equilibrio tra ormoni, genetica e psicologia, in cui ognuno di questi singoli aspetti ha la sua importanza.

Per ognuna delle categorie c’è in ogni caso un regime alimentare consigliato: nel primo caso con molte proteine come carne e pesce e pochi carboidrati per stimolare gli ormoni intestinali e il senso di sazietà, nel secondo una particolare versione della dieta 5:2, con due giorni in cui si consumano soltanto 800 calorie e il resto delle giornate in cui si può mangiare ciò che si desidera, nel terzo una dieta stile “Weight watchers“, per focalizzarsi sulla necessità di cercare un supporto sociale anziché gettarsi a capofitto sul cibo.

Lascia un commento