fbpx
L’impatto della nutrizione di precisione sul diabete
L’impatto della nutrizione di precisione sul diabete
 Le raccomandazioni nutrizionali dell’American Heart Association
 Le raccomandazioni nutrizionali dell’American Heart Association
10 porzioni di frutta e verdura al giorno per allungare la vita
10 porzioni di frutta e verdura al giorno per allungare la vita
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

COLAZIONI E CENE I PASTI PRINCIPALI DEGLI ITALIANI

Cambiano le abitudini alimentari degli italiani: in 20 anni è aumentato quasi del 20% (dal 66,8% all’ 82%) il numero di chi fà una colazione adeguata al mattino, mentre è diminuito quello di chi pranza a casa (dall’ 84,5% al 74,3%), così come quello di chi ha nel pranzo il suo pasto principale (dal 78,2% al 68%). Analizzando le cifre più nel dettaglio, si può vedere che a puntare su una buona colazione sono soprattutto le donne (82% contro il 77% degli uomini) e i bambini (94%).

Il pranzo a casa rimane ancora un’abitudine molto diffusa, anche se in calo del 10%, a vantaggio di bar e ristoranti, in crescita. Mangiano a casa in particolare gli anziani (95% dai 65 anni in su), mentre il ristorante, salito dall’1,8% al 2,8%, è scelto soprattutto dalla fascia d’età 35-44 anni (5,5%) e dai maschi (4,7%), e il bar (2,5% contro l’1,4% del ’93) dalla fascia più giovane tra i 20 e 24 anni (5,2%) e dai maschi (3,2%).

Sale anche il numero di chi pranza sul posto di lavoro, passato dal 4,5% del 1997 soprattutto nella fascia 25-34 anni con il 9,7%) al 7,2%, in particolare tra i 35 e 44 anni (14,5%) e gli uomini (8,8%). E se per molto tempo il pranzo è stato il pasto principale, ora le cose stanno cambiando.

Se nel 1993 lo era per il 78,2% delle persone, in particolare per gli over 75 (94%) e i bambini tra i 3-5 anni (81,7%), nel 2012 si e’ registrato un calo del 10% ( 68% ), soprattutto fra le donne ( dal 79% al 69% ) e nei bambini (dall’ 81,7% al 76%). Ora si mangia soprattutto a cena, diventata il pasto principale per il 23,4% (era il 17,3% nel 1993), soprattutto fra i 45-54 anni (33,7%) e gli uomini (26,8%).

Lascia un commento