fbpx
Esami di maturità: come affrontarli a tavola!
Esami di maturità: come affrontarli a tavola!
L’impatto della nutrizione di precisione sul diabete
L’impatto della nutrizione di precisione sul diabete
 Le raccomandazioni nutrizionali dell’American Heart Association
 Le raccomandazioni nutrizionali dell’American Heart Association
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

MUOVERSI PER BRUCIARE CALORIE. GIUSTO, MA AL CERVELLO NON BASTA

Normalmente si pensa che aumentare l’esercizio fisico possa essere sufficiente a contrastare gli effetti negativi di una dieta troppo ricca. In effetti, l’attività fisica, soprattutto se intensa, è in grado di bruciare molte calorie impedendo l’accumulo dei vari nutrienti ma, dallo studio realizzato su animali sottoposti a una dieta ipercalorica, sembrerebbe che non riesca ad annullare tutti gli effetti del cibo eccessivo, in particolare nel cervello.

La ricerca è di quelle molto tecniche, pubblicata su una rivista specialistica che studia il metabolismo cerebrale (Journal Cerebral Blood Flow Metabolism). Anche lo strumento di indagine applicato è molto raffinato: si chiama “Risonanza magnetica protonica spettroscopica” ed è in grado di misurare in vivo la concentrazione cerebrale di alcuni nutrienti, neurotrasmettitori fondamentali come il glutammato, l’aspartato, la colina, il lattato. Ebbene negli animali a dieta ipercalorica, nonostante la loro notevole mobilità, anche incentivata dai ricercatori, la concentrazione di queste sostanze nel cervello era alterata. In conclusione, anche chi corre molto faccia attenzione alla dieta.

 

Lascia un commento