fbpx
Dalla dieta mediterranea al movimento i segreti della longevità
Dalla dieta mediterranea al movimento i segreti della longevità
Carnevale: i segreti per friggere bene
Carnevale: i segreti per friggere bene
Carnevale: la festa del fritto!
Carnevale: la festa del fritto!
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

PIÙ FRUTTA E VERDURA? D’ACCORDO, MA IL PREZZO…

Spesso si sente dire che il consumo di frutta e verdura è un problema di educazione. Il che effettivamente coglie una parte della verità, nel senso che ci sono famiglie che trascurano di portare in tavola quantità adeguate di vegetali, creando così un’abitudine nei bambini che si trasmetterà alla vita adulta. Ma, soprattutto durante crisi finanziarie come l’attuale, non possiamo trascurare il lato economico della faccenda. Conta di più l’educazione o il portafoglio?

Ricercatori dell’Università di Amsterdam hanno realizzato uno studio, coinvolgendo alcuni supermercati della città olandese: un gruppo aveva la possibilità di acquistare i vegetali con un forte sconto, un altro, oltre allo sconto, riceveva anche un’informazione adeguata sul ruolo salutare di frutta e verdura, infine il terzo gruppo ha ricevuto solo una corretta informazione. Dopo 6 mesi di sperimentazione, nei due gruppi che hanno usufruito dello sconto la percentuale di persone che mangiava la quantità raccomandata di frutta e verdura (più di 400 g al giorno) è passata dal 42% al 61%, mentre chi ha ricevuto solo le informazioni in più non ha modificato il suo comportamento. Come si dice, “le chiacchiere stanno a zero“!

Lascia un commento