fbpx
L’impatto della nutrizione di precisione sul diabete
L’impatto della nutrizione di precisione sul diabete
 Le raccomandazioni nutrizionali dell’American Heart Association
 Le raccomandazioni nutrizionali dell’American Heart Association
10 porzioni di frutta e verdura al giorno per allungare la vita
10 porzioni di frutta e verdura al giorno per allungare la vita
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

Alimenti integrali: salute e gusto

cereali integrali sono un vero e proprio scrigno di nutrienti preziosi per la salute del nostro organismo. Generalmente conosciuti per la loro ricchezza in fibre, sono altresì una miniera di carboidrati, proteine, vitamine, sali minerali e sostanze antiossidanti. Tutte sostanze in grado di apportare benefici al buon funzionamento del metabolismo, svolgono un’azione antinfiammatoria, proteggono l’apparato cardiocircolatorio, tengono sotto controllo l’indice glicemico e sono noti anche per le proprietà antitumorali.

Pasta, riso e farine integrali sono gli ingredienti disponibili sul mercato che dovrebbero entrare sempre più a far parte dei nostri ingredienti in cucina.

Le farine integrali, sono ottenute mantenendo integro ogni parte del chicco: l’endosperma amidaceo, il pericarpo e il germe. L’endosperma è ricco di proteine, amidi, beta-glucani, lipidi e minerali. Il pericarpo, quella parte comunemente definita crusca, contiene la maggior parte delle fibre, vitamine del gruppo B, sali minerali e sostanze antiossidanti. Anche nel germe sono presenti considerevoli quantità di antiossidanti.

La differenza con le farine raffinate

Con il processo di lavorazione tradizionale, nel quale vengono eliminati totalmente il pericarpo e il germe, viene conservato solo l’endosperma, in questo modo viene perduto il 20% del chicco e tutti i nutrienti in esso contenuto. In modo particolare si perde l’80% del contenuto in fibre.. La soppressione dello strato più interno del rivestimento del chicco, comporta una notevole perdita di vitamine e sali minerali.

I benefici del consumo di alimenti integrali

Importanti ricerche e studi scientifici hanno da tempo ampiamente dimostrato numerosi benefici per la salute dell’organismo correlato al consumo di cibi integrali.

– Riduzione rischi cardiovascolari

Assumere quotidianamente 3 o pù porzioni di cibi integrali riducono il rischio fino al 30% di contrarre problemi cardiovascolari rispetto a chi ne assume quantità inferiori. Migliora l’indice glicemico, diminuiscono il rischio lipidico, riducendo i tassi di colesterolo “cattivo” nel sangue, diminuiscono il rischio di trombosi e svolgono un’azione protettiva sui rischi di malattie aterosclerotiche.

– Riduzione i rischi di diabete

Le fibre contenute negli alimenti integrali svolgono una funzione protettiva nei confronti dello sviluppo del diabete di tipo 2.

– Azione antinfiammatoria e antitumorale

Le sostanze antiossidanti contenute nella crusca e nel germe svolgono un’azione antinfiammatoria riducendo il rischi di contrarre patologie cardiovascolari e intestinali, e si sono rivelate preziose anche per contrastare l’insorgenza o la recidivazione di forme tumorali.

Lascia un commento