fbpx
Ghiacciolo fatto in casa: colorato, saporito e tutto naturale
Ghiacciolo fatto in casa: colorato, saporito e tutto naturale
L’estratto arancione per una super abbronzatura
L’estratto arancione per una super abbronzatura
Esami di maturità: come affrontarli a tavola!
Esami di maturità: come affrontarli a tavola!
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

Salere meno gli alimenti fa bene al cuore

Secondo una ricerca realizzata con i dati  della UK Biobank dal 2006 al 2010, su 500.000 abitanti del Regno Unito di età compresa tra i 40 e i 70 anni, l’eliminazione del sale dai pasti può ridurre di quasi un quinto il rischio di problemi cardiaci e ictus. Lo studio (riferisce The Guardian) ha documentato come l’aggiunta di sale agli alimenti aumenti la probabilità di malattie cardiovascolari e di morte prematura. Ora gli esperti hanno quantificato questa probabilità riducendo il numero di pasti a cui viene aggiunto il sale o in cui viene eliminato del tutto. Coloro che non aggiungono mai sale ai pasti hanno il 18% in meno di probabilità di sviluppare una patologia cardiaca come la fibrillazione atriale, rispetto a coloro che lo fanno regolarmente. Il numero di persone a cui è stata diagnosticata questa patologia nel Regno Unito è aumentato del 50% nell’ultimo decennio, arrivando a 1,5 milioni.

La fibrillazione atriale può provocare vertigini, mancanza di respiro e stanchezza e le persone affette da questo problema hanno una probabilità cinque volte maggiore di avere un ictus. I risultati saranno presentati in questi giorni ad Amsterdam in occasione del meeting annuale della Società Europea di Cardiologia, la più grande conferenza mondiale sul cuore. Nella ricerca è stato chiesto  ai soggetti intervistati il numero di volte in cui viene utilizzato il sale a tavola, scegliendo tra “mai/raramente”, “qualche volta”, “di solito” o “sempre”. I ricercatori hanno poi seguito queste persone per 11 anni. Rispetto a coloro che salavano sempre i cibi, quelli che non lo facevano mai avevano il 18% in meno di probabilità di soffrire di fibrillazione atriale. Le persone che lo aggiungevano talvolta ai pasti avevano il 15% di probabilità in meno.

Lo studio suggerisce che anche coloro che passano da un’alimentazione che prevede sempre l’aggiunta di sale a un’alimentazione  che lo prevede “di solito”, potrebbero notare una grande differenza nel loro rischio. Il 12% in meno di probabilità di sviluppare la fibrillazione atriale rispetto a coloro che lo fanno “sempre”. Il Prof. James Leiper della British Heart Foundation ha dichiarato: “È noto che mangiare troppo sale può portare a problemi di salute. Questa ricerca ci ricorda che tutti noi potremmo trarre beneficio dall’attenersi alla raccomandazione governativa di non consumare più di 6 g di sale al giorno – circa un cucchiaino da tè”.

Lascia un commento