fbpx
L’impatto della nutrizione di precisione sul diabete
L’impatto della nutrizione di precisione sul diabete
 Le raccomandazioni nutrizionali dell’American Heart Association
 Le raccomandazioni nutrizionali dell’American Heart Association
10 porzioni di frutta e verdura al giorno per allungare la vita
10 porzioni di frutta e verdura al giorno per allungare la vita
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

ADOLESCENTI ED ENERGY DRINK

Gli adolescenti consumano troppe bevande energetiche e il rischio è l’insorgenza di patologie cardiache che possono rivelarsi anche gravi, fino a risultare fatali in soggetti particolarmente predisposti. Il monito che arriva dal Canadian Journal of Cardiology è chiaro: genitori, insegnanti, medici e allenatori dovrebbero monitorare con maggiore attenzione il consumo degli energy drink da parte dei teenager e non sottovalutarne le eventuali conseguenze che potrebbe innescare.

Un team di ricerca internazionale guidato da Fabian Sanchis-Gomar dell’Hospital Universitario “12 de Octubre” di Madrid (Spagna) ha osservato che il consumo di bevande energetiche da parte degli adolescenti per il miglioramento delle prestazioni fisiche e mentali può alterare il sistema endocrino e innescare morti cardiache improvvise in individui giovani apparentemente sani. La responsabilità sarebbe soprattutto della caffeina, sostanza ampiamente conosciuta e utilizzata e generalmente considerata sicura, ma che se consumata in dosi importanti soprattutto da parte di soggetti ancora in fase di crescita può dar vita a gravi effetti indesiderati – si stima che nel 2007, negli Stati Uniti, ben il 46% delle 5.448 overdose di caffeina segnalate si è verificato negli adolescenti di età inferiore a 19 anni. Secondo le stime, poi, il 31% dei ragazzi di età compresa tra i 12 e i 19 anni che consuma regolarmente queste bevande energetiche si ritrova con alterazioni di vario tipo al sistema endocrino. E la responsabilità non è solo degli elevati livelli di caffeina, ma anche dell’aggiunta di altre sostanze stimolanti come il ginseng e la taurina.

Contengono sostanze eccitanti con potenzialità tossiche

“Parliamo di sostanze come caffeina e guaranà, e dunque non di sostanze illegali o nocive di per sé, ma che comunque non fanno bene agli organismi e ai cervelli ancora in pieno sviluppo quali sono quelli degli adolescenti. La questione è che queste bevande energetiche sfuggono ai controlli farmaceutici perché non sono considerate farmaco, nonostante molto spesso contengano sostanze eccitanti con potenzialità tossiche paragonabili a quelle di alcuni farmaci. Il problema, poi, è che soprattutto i ragazzi molto giovani rischiano di farne un consumo smodato poiché queste bevande sono molto accattivanti nella veste e spesso molto piacevoli al gusto, e difficilmente i più giovani sono in grado di distinguerne le caratteristiche da quella di un’aranciata o di una gassosa”.

Ma cosa accade all’organismo di un adolescenti che fa un uso eccessivo di queste bevande? “Due sono gli scenari che si possono incontrare: da una parte gli energy drink possono far emergere in individui apparentemente sani rare forme di cardiopatie latenti, con conseguenze a volte anche fatali; dall’altra può essere il consumo stesso della bevanda energetica a generare lo sviluppo di disturbi cardiovascolari, assolutamente inusuali per la loro età”.

Oltre al danno fisico c’è anche il danno psichico

Un altro aspetto che non va sottovalutato è infine il danno psicologico, oltre al danno fisico. Con il consumo di queste bevande energetiche c’è il rischio che passi il messaggio che è possibile migliorare le proprie prestazioni mentali e fisiche solo introducendo qualcosa dall’esterno, abituando il ragazzo che senza un “aiutino” esterno non si possano affrontare gare sportive, esami universitari e le altre prove che la vita gli pone davanti. Una sorta di dipendenza psicologica che, in futuro, potrebbe trasformarsi in una tipologia di dipendenza più seria.

Lascia un commento