fbpx
Mangiare cibi di stagione, una scelta di salute!
Mangiare cibi di stagione, una scelta di salute!
Dalla dieta mediterranea al movimento i segreti della longevità
Dalla dieta mediterranea al movimento i segreti della longevità
Carnevale: i segreti per friggere bene
Carnevale: i segreti per friggere bene
30707016_10156301888199287_1493183837591568384_n
previous arrow
next arrow

Castagne: golosità autunnali!

Le castagne fanno parte del gruppo della frutta e alcuni le classificano come frutta secca, ma rispetto alla frutta a guscio (noci, nocciole, mandorle, ecc…) ha un basso contenuto in grassi. La castagna per certi versi ha caratteristiche nutrizionali simili ai cereali: pur non contenendo glutine ha un elevato contenuto di zuccheri e soprattutto di amido.

È ricca di di fibre, oltre che di sali minerali come il potassio, il fosforo e contiene ferro, anche se in piccole quantità. Ha infine un buon contenuto di vitamine B2 ed E. È importante ricordare che le caratteristiche energetico-nutrizionali della castagna sono differenti dal restante gruppo della frutta fresca.

Quali differenze sostanziali ci sono tra le castagne lesse e quelle arrostite, le cosiddette caldarroste?

Le castagne lesse sono più digeribili ed erroneamente si crede siano meno caloriche: a parità di peso hanno meno calorie rispetto a quelle arrostite – si parla di circa 120 calorie ogni 100 grammi per quelle lessate contro 190 calorie per quelle arrostite – ma il tutto dipende dalla quantità di acqua persa o acquistata in base al tipo di cottura.

Ci sono persone per cui può essere sconsigliato mangiare castagne?

Le situazioni vanno viste caso per caso, ma in generale ci sono alcune patologie o disturbi che sconsigliano il consumo di questo frutto, come il diabete, per via del loro contenuto in zuccheri.

Lascia un commento